Salta al contenuto

Igienista Dentale

Igienista Dentale

Igienista Dentale

L’igienista dentale è l’operatore sanitario che, in possesso del titolo universitario abilitante, svolge compiti relativi alla prevenzione delle affezioni oro-dentali (D:M: 137, del 15 marzo 1999) su indicazione degli odontoiatri e dei medici chirurghi legittimati all’esercizio dell’odontoiatria.
Si occupa di attività di educazione sanitaria dentale e partecipa a progetti di prevenzione primaria nell’ambito del sistema sanitario pubblico e privato. Le attività di prevenzione possono essere rivolte alla popolazione scolastica, adulta, geriatrica o comunità svantaggiate. Gli aspetti relazionali e comunicativi ricoprono particolare importanza nell’esercizio della professione.

Collabora alla compilazione della cartella clinica odontostomatologica e provvede alla raccolta di dati tecnico statistici.
Effettua terapia parodontale non chirurgica mediante scaling e rootplaning elaborando programmi di prevenzione personalizzati e appropriati alla situazione clinica di ogni paziente in trattamento. Esegue inoltre applicazioni topiche di fluoro, di desensibilizzanti nonché la sigillatura dei solchi.
Provvede all’istruzione sulle varie metodiche di igiene orale e sull’uso dei mezzi diagnostici idonei ad evidenziare placca batterica e patina dentale motivando l’esigenza dei controlli clinici periodici.
Esegue trattamenti di cosmetica dentale quali sbiancamenti e rimozioni di pigmentazioni estrinseche mediante polishing dentale effettuato con varie metodiche e tecnologie.
Indica le norme per una corretta alimentazione ai fini della tutela della salute dentale.
Insieme agli odontoiatri o ai medici chirurghi può partecipare a iniziative finalizzate a identificare l’epidemiologia delle malattie del cavo orale.

Formazione e Lavoro

Il Corso di Studi in Igiene Dentale (CSID) ha la finalità di formare un laureato in igiene dentale che sia dotato delle basi scientifiche e della preparazione teorico-pratica necessarie, ai sensi del D.M. del Ministero della Sanità 15 marzo 1999 n.137 e successive modificazioni ed integrazioni, all’esercizio della professione di igienista dentale.

Il corso è articolato in tre anni di studio, con accesso programmato (numero chiuso) a livello nazionale disciplinato da apposito bando di ammissione. Il titolo conseguito al termine del percorso di studi ha valore abilitante all’esercizio della professione di igienista dentale in base alla vigente normativa in materia.

Il laureato in igiene dentale può altresì accedere, previo superamento del test di accesso previsto, al Corso di Laurea Magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecnico Assistenziali, Classe LM/SNT3 e ad altre attività di formazione universitaria post-base, quali Master di primo livello e corsi di perfezionamento.

La disciplina dell’accesso alla professione è stata recentemente modificata dalla Legge 3/2018, che ha collocato l’igienista dentale all’interno dell’Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione La professione di igienista dentale può essere esercitata da chi è iscritto all’albo della professione sanitaria di igienista dentale previo conseguimento della laurea triennale o titolo equipollente.

Gli igienisti dentali svolgono la loro attività professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o come liberi professionisti. Come dipendente, l’igienista dentale è inquadrato nel secondo livello come risulta dal CCNL (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro) del personale sanitario. L’accesso alla professione nel settore pubblico avviene tramite concorso.

L’ambito occupazionale attualmente più diffuso è quello del settore privato, come collaboratore degli studi medici e odontoiatrici.

Nei Paesi europei la libera circolazione degli igienisti dentali è garantita dalle norme del D.L: n. 115 del 1992 successivamente modificato dal D.L: n.277 del 2003, nonché dalle norme del D.L: n.30 del 2007 del D.L: n. 97 del 2013 e del Regolamento UE n.492 del 2011. I cittadini italiani che hanno conseguito in Italia un titolo professionale dell’area sanitaria e vogliono esercitare la professione in un altro Paese comunitario devono presentare domanda di riconoscimento del titolo all’autorità competente del Paese estero.

L’igienista dentale ha l’obbligo di seguire i corsi di aggiornamento post laurea previsti nell’ambito del programma nazionale per la formazione e l’aggiornamento degli operatori della sanità ECM educazione continua in medicina.

L’igienista dentale deve altresì rispettare il codice deontologica della professione.

Leggi e normative

Il riconoscimento giuridico della figura professionale dell’igienista dentale avviene ufficialmente con il Decreto Ministeriale del 26 gennaio 1988, n. 30 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 33 il10 febbraio 1988)

La legge sulla Riforma Sanitaria n. 502 del 1992 istituisce il Diploma Universitario per l’igienista dentale e altre figure professionali.

Successivamente il Decreto Ministeriale del 14 settembre 1994, n. 669 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 283 il 3 dicembre 1994) individua e regolamenta la figura professionale e il relativo profilo dell’Igienista Dentale

La Legge n. 42 del 26 febbraio 1999 modifica la denominazione “professione sanitaria ausiliaria” in “professione sanitaria” precisando i riferimenti concreti per l’individuazione degli ambiti e dei confini di ciascuna specifica professione. Il campo proprio di attività e di responsabilità delle professioni sanitarie è determinato dai contenuti dei decreti ministeriali istitutivi dei relativi profili professionali e degli ordinamenti didattici dei rispettivi corsi di diploma universitario e di formazione post-base nonché degli specifici codici deontologici.

Il Decreto Ministeriale del 15 marzo 1999, n. 137 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 114 il 18 maggio 1999) sostituisce il decreto del Ministro della Sanità del 14 settembre 1994, n. 669, (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 283 del 3 dicembre 1994) annullato con il decreto del Presidente della Repubblica il 4 novembre 1997, che reca le norme per l’individuazione della figura dell’igienista dentale il relativo profilo professionale.

Il Decreto Ministeriale del 29 marzo 2001 (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 118 Il 23 maggio 2001) include l’igienista dentale nelle professioni sanitarie afferenti all’area tecnico assistenziale.

Il Decreto MURST del 2 aprile 2001 di concerto con il Ministero della Sanità stabilisce la classe delle lauree specialistiche nelle scienze delle professioni sanitarie tecniche e ne fissa gli obiettivi formativi qualificanti.

La Legge n.43 del 01 febbraio 2006 (Pubblicata in Gazzetta Ufficiale Il 17 febbraio 2006) è la legge che parla delle “Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e della delega al Governo per l’istituzione dei relativi ordini. Il professionista sanitario laureato viene classificato in quattro categorie:

  • Professionisti: in possesso della Laurea di 1° livello
  • Professionisti Coordinatori: in possesso del Master Universitario di 1° livello in management o per le funzioni di coordinamento
  • Professionisti Specialisti: in possesso del master di 1° livello per le funzioni specialistiche
  • Professionisti Dirigenti: in possesso della laurea magistrale Ministero della Salute

Il Decreto del 13 marzo 2018 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale Serie Generale, n.77 il 03 aprile 2018) delibera la Costituzione degli albi delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione istituiti presso gli Ordini dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione.

Commissione d'albo

email:   cda.igienistidentali@ops.fvg.it

Presidente:         Ardi Hasa
Vicepresidente:  Antonella Mareschi
Consigliere:        Elisa Da Ros
Consigliere:        Laura Madaro

Silvia Pertot (dimissioni in data 17/03/2022)

 

La Commissione D’Albo è un organo dell’Ordine delle professioni sanitarie, per gli Ordini comprendenti più professioni, a cui spettano le seguenti attribuzioni (in base all’ Art. 4 Capo I art 3 comma 2 L. 3/2018 di modifica del D.L. CPS 233/1946):

proporre al Consiglio Direttivo l’iscrizione all’albo del professionista;
assumere, nel rispetto dell’integrità funzionale dell’Ordine, la rappresentanza esponenziale della professione e, negli Ordini con più albi, esercitare le seguenti funzioni:
a. designare i rappresentanti dell’Ordine presso commissioni, enti e organizzazioni di carattere provinciale o comunale;
b. promuovere e favorire tutte le iniziative intese a facilitare il progresso culturale degli iscritti, anche in riferimento alla formazione universitaria finalizzata all’accesso alla professione;
c. interporsi, se richiesto, nelle controversie fra gli iscritti, o fra un iscritto e persona o ente a favore dei quali questi abbia prestato o presti la propria opera professionale, per ragioni di spese, di onorari e per altre questioni inerenti all’esercizio professionale, procurando la conciliazione della vertenza e, in caso di mancata conciliazione, dando il suo parere sulle controversie stesse; (eccettuati i casi in cui le designazioni concernono uno o più rappresentanti dell’intero Ordine);
adottare e dare esecuzione ai provvedimenti disciplinari nei confronti di tutti gli iscritti all’albo e a tutte le altre disposizioni di ordine disciplinare e sanzionatorio contenute nelle leggi e nei regolamenti in vigore;
esercitare le funzioni gestionali comprese nell’ambito delle competenze proprie, come individuate dalla legge e dallo statuto;
dare il proprio concorso alle autorità locali nello studio e nell’attuazione dei provvedimenti che comunque possano interessare la professione.

Non trovi quello che cerchi?
DOMANDE FREQUENTI

Vai alla pagina

Cerchi un documento specifico?
DOCUMENTI E MODULI

Vai alla pagina

    Scrivi all'albo professionale

    *Seleziona il checkbox

    Iscriviti alla Newsletter

    Non perderti il mensile di informazioni per professionisti e cittadini